Pollo, 5 buone ragioni per cui dovresti amarlo

Diciamo la verità, il pollo non ha mai goduto dello stesso successo delle altre tipologie di carne. Soprattutto nel mondo del BBQ è spesso considerato come un piatto di serie B, qualcosa che si cucina quando si è a corto di idee, qualcosa dal gusto poco deciso e leggero da mangiare quando si sta poco bene. Niente di più sbagliato! Sottovalutarlo è facile e spesso i luoghi comuni ci impediscono di vederne tutte le numerose potenzialità. Carne tenera, cottura che mette d’accordo tutti, pelle croccante: come si può farne a meno? Oggi vogliamo spiegarti quali sono le 5 buone ragioni per cui dovresti amare il pollo.

  1. È versatile quanto la carne di maiale

Le nostre nonne ci hanno sempre detto che del maiale non si butta niente. Se ci fermiamo un secondo a riflettere ci accorgiamo che si può dire lo stesso del pollo: possiamo usare il petto, le ali, le cosce, le zampe per il brodo, ogni cosa. Per non parlare delle infiniti possibilità di cottura: bollito, fritto, arrosto, allo spiedo, alla griglia, fatto a polpette, in umido, piccante, nel panino, freddo, caldo, tiepido, nel riso, nelle insalate. Questo significa che il pollo ci dà la possibilità di lasciare libera la fantasia, anche i più grandi chef usano questa carne per i loro piatti migliori, perché non farlo noi?

2. Cucinarlo è divertente

Se avete cucinato almeno una volta il pollo alla birra sapete di cosa stiamo parlando. Il vero pollo alla birra si prepara posizionandolo seduto in forno o sulla griglia con una lattina al suo interno: in pratica si infila intero sopra una lattina di birra. Questo rende il tutto decisamente comico e scatena una serie di battute e di ilarità. Il risultato sarà una carne succulenta, morbidissima e dal gusto intenso e deciso con un leggero aroma di birra. Tutt’altro che scontato.

Leggi anche: Barbecue alla birra: 5 modi per renderlo unico

3. Mette d’accordo tutti

Il pollo, con il suo gusto delicato, la carne magra e la cottura univoca, mette d’accordo tutti, in particolare i bambini e in generale le persone dai gusti più difficili: la carne al sangue spesso non piace a tutti e i sapori forti non sono sempre apprezzati. Cucinare il pollo in queste situazioni è l’idea migliore che tu possa avere: se cotto come si deve non sarà assolutamente un piatto scontato e la sua semplicità ti permetterà di sbizzarrirti con la fantasia e la creatività. Sperimentare sapori leggermente diversi in un piatto che si conosce è il primo passo per aprirsi a gusti più particolari e audaci.

Leggi anche: Salsa barbecue, la vera regina del BBQ americano

4. È una sfida con se stessi

Uno dei rischi nel sottovalutare il pollo è proprio quello di pensare che la cottura sia semplice: cuocere un pollo perfetto non è una cosa che sanno fare tutti. Rendere la carne succosa senza farla asciugare e la pelle croccante è molto più facile a dirsi che a farsi. Ecco perché riuscirci è come vincere una sfida con se stessi, è come dimostrare che anche le cose più facili richiedono abilità e passione.

5. È una sfida con gli altri

Accanto alle persone che non amano sperimentare gusti diversi ci sono quelle che sminuiscono i sapori familiari. Far piacere il pollo a tutti coloro che lo ritengono troppo semplice è sempre una bella soddisfazione. Far cambiare idea a chi parte con un pregiudizio o ha avuto esperienze precedenti non esaltanti è una bella sfida e il riuscirci è indice di bravura. La semplicità non ha troppi orpelli dietro a cui nascondersi e cucinare il pollo richiede un’attenzione e una tecnica non banali.

Per tutte queste ragione possiamo dire che il pollo non è assolutamente una scelta scontata, ma una carne che ha molte possibilità e combinazioni, il segreto è cuocerla con passione. Ti abbiamo fatto cambiare idea sul pollo? Bene, vogliamo darti una prova concreta di quello che ti abbiamo appena spiegato: vieni a provare il nostro quarter chicken e siamo sicuri che non potrai più farne a meno. Prenota il tuo tavolo per stasera.

0 Comments

You might also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *